Top
Vincenzo Caccioppoli, Author at Terra dei Figli Blog
fade
14
archive,author,author-vincenzo-caccioppoli,author-14,eltd-core-1.2.1,flow child-child-ver-1.0.1,flow-ver-1.6.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-type2,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-header-style-on-scroll
CREDITI DI CARBONIO, NUOVA FRONTIERA PER LA BLOCKCHAIN

CREDITI DI CARBONIO, NUOVA FRONTIERA PER LA BLOCKCHAIN

La tecnologia Blockchain viene utilizzata per contribuire a creare un mercato dei crediti di carbonio più trasparente ed efficiente. La domanda di crediti di carbonio è cresciuta in modo significativo con la crescente attenzione alla mitigazione del cambiamento climatico e alla riduzione delle emissioni di carbonio. Tuttavia, l’attuale mercato dei crediti di carbonio è frammentato e manca di chiarezza, rendendo difficile la navigazione per acquirenti e venditori. La tecnologia blockchain può essere utilizzata per creare un mercato dei crediti di carbonio più trasparente ed efficiente? Conosciuti anche come...

La tecnologia Blockchain vien...

continua a leggere
PASSA LA FOLLIA GREEN DEL RIPRISTINO DELLA NATURA: SCHIAFFO IN FACCIA AL MONDO AGRICOLO

PASSA LA FOLLIA GREEN DEL RIPRISTINO DELLA NATURA: SCHIAFFO IN FACCIA AL MONDO AGRICOLO

La sinistra europea ha dimostrato ancora una volta la sua miopia di fronte a quelle che sono le rivendicazioni del mondo agricolo, che sta protestando da mesi contro le assurde regole imposte al settore dal Green deal. Due settimana fa,  a Strasburgo è passata per soli 54 voti di scarto la famigerata legge sul Ripristino della Natura. Si tratta di uno dei provvedimenti più contestati del Green Deal, voluto dall’ex vice presidente della Commissione, UE Frans Timmermans,  e che è passato in parlamento  con 329 sì, 275 no e 24...

La sinistra europea ha dimost...

continua a leggere
NGT ED INNOVAZIONE PER AIUTARE IL MONDO AGRICOLO

NGT ED INNOVAZIONE PER AIUTARE IL MONDO AGRICOLO

Non si sono ancora spenti gli echi della protesta dei trattori giunta fino alle porte del parlamento di Bruxelles. La rivolta degli agricoltori ha attraversato mezza Europa ed inevitabilmente è diventata un tema politico sia a livello europeo che nazionale. Mentre si cerca di arrivare ad un compromesso, tornando indietro sulle assurde regole che l'ex commissario Timmermans (meno male per tutti che è tornato in Olanda, dove anche li non pare aver riscosso grande consenso) aveva imposto in nome di una transizione green ideologica e radicale all’agricoltura...

Non si sono ancora spenti gli...

continua a leggere
Finto ambientalismo e norme europee assurde, la protesta degli agricoltori arriva a Bruxelles

Finto ambientalismo e norme europee assurde, la protesta degli agricoltori arriva a Bruxelles  

La rivolta degli agricoltori come uno tsunami ha il continente europeo, arrivando a Bruxelles. E’ lunga la lista delle lamentele che gli agricoltori di tutta Europa stanno da mesi portando all’attenzione dell'opinione pubblica. Come l’aumento del costo del gasolio agricolo, i ritardi nel pagamento dei sussidi UE, la concorrenza delle importazioni più economiche, anche dalla Ucraina, e soprattutto i danni economici derivanti dalle norme ambientali. Altre sono invece di carattere nazionale, come l’aumento della burocrazia in Francia, o quello dei fertilizzanti chimici in Olanda o quello della drastica riduzione dei sussidi per acquisto gasolio in Germania. Anche in Italia, che fino...

La rivolta degli agricol...

continua a leggere
LE ELEZIONI 2024 SI GIOCHERANNO MOLTO SUL TEMA DELL’ AMBIENTE

LE ELEZIONI 2024 SI GIOCHERANNO MOLTO SUL TEMA DELL’ AMBIENTE

Al vertice sul clima del COP28, a Dubai, dopo due settimane di dibattiti e negoziati combattuti i rappresentanti di quasi 200 Paesi hanno concordato di iniziare a ridurre il consumo globale di combustibili fossili. L’obiettivo? Scongiurare i peggiori impatti del cambiamento climatico. Si sigla così un accordo unico nel suo genere, che segna la storia dell’impegno internazionale alla lotta contro il cambiamento climatico. La parola chiave che ha portato a questo risultato è «avviare una transizione», con un’espressione che ha raccolto il consenso di tutti, certamente...

Al vertice sul clima del COP2...

continua a leggere
LE BATTERIE AD ACQUA RISOLVERANNO PROBLEMA DELL’ACCUMULO DI ENERGIA RINNOVABILE ?

LE BATTERIE AD ACQUA RISOLVERANNO IL PROBLEMA DELL’ACCUMULO DI ENERGIA RINNOVABILE ?

Nel panorama in continua evoluzione dello stoccaggio sostenibile dell'energia, è emersa all'orizzonte una nuova soluzione promettente: le batterie a base d'acqua. Mentre il mondo è alle prese con l'urgente necessità di abbandonare i combustibili fossili, i ricercatori sono instancabilmente alla ricerca di soluzioni efficienti ed ecologiche. Le batterie a base d'acqua potrebbero essere la chiave per sbloccare un futuro in cui l'energia rinnovabile viene sfruttata, immagazzinata e distribuita in modi senza precedenti?  Poiché le fonti di energia rinnovabile, come l'energia solare ed eolica, diventano sempre più diffuse,...

Nel panorama in continua evol...

continua a leggere
ACCORDO ALLA COP 28 DI DUBAI. SE E’ DAVVERO STORICO LO DIRANNO I FATTI

ACCORDO ALLA COP 28 DI DUBAI. SE E’ DAVVERO STORICO LO DIRANNO I FATTI. 

Malgrado il forte pessimismo della vigilia, determinato anche dalle un po’ pretestuose polemiche legate al ruolo di presidente dell'assise Sulta Al Jaber, ceo della compagnia petrolifera Abu Dhabi National Oil Company, il risultato c’è stato al vertice sul clima COP 28 di Dubai. Doppia laurea in ingegneria chimica e petrolifera negli Usa e in economia e commercio all’Università inglese di Coventry, oltre a gestire e proteggere i proventi nazionali di gas e petrolio, il cinquantenne Al Jaber è CEO di Masdar, la compagnia che vuole trasformare gli...

Malgrado il forte pessimi...

continua a leggere
COP 28: A CHE PUNTO SIAMO?

COP 28: A CHE PUNTO SIAMO? 

Che nella riunione della cop 28 di Dubai si sia molto discusso di nuove fonti di energia come quella  nucleare, rappresenta in un certo senso una piccola svolta verso quella neutralità tecnologica che dovrebbe essere la via maestra da seguire nel lungo e tortuoso percorso verso una responsabile e sostenibile  transizione energetica. E anche le polemiche seguite al fatto che a presiedere la cop ci sia Ahmed al-Jaber, amministratore delegato del gigante petrolifero degli Emirati Arabi Uniti, la Abu Dhabi national oil company (Adnoc), sono sembrate strumentali e in...

Che nella riunione della cop ...

continua a leggere
La Cina salverà il pianeta o lo distruggerà?

La Cina salverà il pianeta o lo distruggerà?

Oggi la Cina è una potenza industriale, che ospita oltre un quarto della produzione mondiale, più di America e Germania messe insieme. Ma i suoi progressi hanno avuto un altissimo costo in termini di emissioni. Negli ultimi trent’anni la Cina ha immesso nell’atmosfera più anidride carbonica, in totale, di qualsiasi altro paese. Secondo Rhodium Group, una società di ricerca, ora emette più di un quarto dei gas serra del mondo ogni anno. Si tratta di circa il doppio di quello dell’America, che arriva seconda (anche se...

Oggi la Cina è una potenza in...

continua a leggere
Regolamento imballaggi, primo via libera Ue, il testo diventa meno penalizzante per le imprese italiane

Regolamento imballaggi, primo via libera Ue, il testo diventa meno penalizzante per le imprese italiane 

Il Parlamento europeo, riunito a Strasburgo in seduta plenaria, ha discusso e votato nei giorni scorsi la posizione negoziale espressa dalla relazione della Commissione ambiente (ENVI) in merito alla proposta di regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggio. Si tratta di un voto che era molto atteso per le implicazioni che avrebbe su molti settori produttivi, primo fra tutti quello alimentare. La relazione, che costituisce il mandato del Parlamento per i negoziati a livello di trilogo, è passata con 426 voti favorevoli, 125 contrari e 74...

Il Parlamento europeo, riunit...

continua a leggere