Top
Energie Archives - Terra dei Figli Blog
fade
39
archive,category,category-energie,category-39,eltd-core-1.2.1,flow child-child-ver-1.0.1,flow-ver-1.6.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-type2,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-header-style-on-scroll

LA CRISI ENERGETICA E I DANNI DELL’AMBIENTALISMO IDEOLOGIZZATO

In questi mesi in cui la vera emergenza nazionale (e non solo) è rappresentata dall’approvvigionamento energetico, sono di grande attualità ed interesse le tematiche che legano il rapporto tra energia e ambiente, nell’ottica soprattutto di garantire un giusto equilibrio tra sostenibilità e crescita economica, tra l’obiettivo di realizzare una transizione energetica per la salvaguardia del pianeta ed i tempi e modalità di realizzazione della stessa. Su questa situazione già estremamente complessa e ricca di variabili (basti pensare al dibattito sulla tassonomia verde che ha infiammato l’Europa...

In questi mesi in cui la vera...

continua a leggere

IMPIANTI EOLICI AUTORIZZATI: SEI PASSI IN AVANTI E CENTOVENTI INDIETRO

La corsa verso la ricerca di nuove fonti di energia per affrontare la transizione indirizzata a un sistema energetico pulito e rinnovabile e l’emergenza dettata dalla guerra in Ucraina, hanno messo sul piatto del governo il via libera a un nuovo approccio anche nei riguardi dell’eolico. Dopo mesi, anni di stop, a tanti progetti presentati, nei giorni scorsi il Consiglio dei ministri ha sbloccato la realizzazione di sei parchi eolici, in grado di assicurare una potenza complessiva pari a 418 MW. Il governo è riuscito anche...

La corsa verso la ricerca di ...

continua a leggere

Il futuro dell’Italia passa per l’indipendenza energetica

Intervista di Stefano Rizzuti tratta da www.money.it La crisi ucraina allontana gli obiettivi sulla neutralità climatica: “La priorità è l’indipendenza energetica, diventando produttori di energia”. L’intervista a Nicola Procaccini, eurodeputato di Fdi. La crisi energetica conseguente al conflitto in Ucraina ha fatto emergere l’importanza dell’indipendenza energetica per tutta l’Ue. Nicola Procaccini, europarlamentare di Fratelli d’Italia, spiega in un’intervista a Money.it perché la neutralità climatica non possa andare a scapito dell’indipendenza energetica. A margine dei lavori della plenaria del Parlamento Ue a Strasburgo, Procaccini - responsabile del dipartimento Ambiente ed energia di Fdi - sottolinea che ora l’Italia...

Intervista di Stefano Rizzuti...

continua a leggere

CONTRORDINE: SI RIAPRANO LE CENTRALI A CARBONE

C’era una volta … No alt! In realtà era soltanto ieri, intendendo davvero che poche settimane fa l’utopia di una transizione ecologica cieca aveva già mandato in pensione anzitempo tutto ciò che è legato alle fonti tradizionali di produzione di energia, quelle fossili per intenderci: dal petrolio al gas al carbone. Dalle centrali alle raffinerie, dai siti ai pozzi di estrazione tutto era pronto, in Europa come in Italia, per essere impacchettato e chiuso per sempre nelle bacheche di un ipotetico museo degli strumenti che avevano...

C’era una volta … No alt! In ...

continua a leggere

Il sogno di energia nucleare pulita e illimitata: ecco il primo passo

Il sogno di una energia nucleare pulita e capace di fornire eccezionali quantità di energia sembra non essere più così lontano. Nel corso di un apposito esperimento in Gran Bretagna, ricercatori europei e italiani hanno infatti ottenuto una quantità di energia record da reazioni di fusione che ha conseguito una quantità di energia prodotta di 59 megajoules contro il precedente primato di 21,7. Energia termica da fusione ottenuta in un tempo di soli 5 secondi (la durata dell’esperimento). Il tutto è avvenuto ricreando il processo di fusione...

Il sogno di una energia nucle...

continua a leggere

IDROGENO VERDE, RICERCA E CONCRETA APPLICAZIONE PER PRODURRE FERTILIZZANTI GREEN

Tra le fonti sostenibili su cui l’Europa punta per realizzare la transizione energetica e combattere i cambiamenti climatici, vi è certamente l’idrogeno verde. Diversi sono i progetti già finanziati da Bruxelles che puntano a migliorare la ricerca in tale settore, ma l’idrogeno verde inizia ad essere utilizzato anche in concrete attività produttive. Rientrano nella prima fattispecie progetti come il GICO, di marca e matrice italiana, mentre un interessante settore di applicazione di questa risorsa energetica è l’agricoltura, come testimonia il progetto spagnolo denominato Catilina.                   COME SI PRODUCE...

Tra le fonti sostenibili su c...

continua a leggere

NUCLEARE E GAS NATURALE: L’EUROPA LITIGA SUL FUTURO ENERGETICO

Il futuro energetico dell’Europa è sempre più al centro degli interessi e delle programmazioni di Bruxelles, chiamata ad adottare decisioni importanti tali da condizionare le scelte di politica economica e sociale dei singoli Stati. In questo inizio di 2022 il dibattito sulla transizione energetica è esploso fino a guadagnarsi l’attenzione massima dei media internazionali e a scatenare infuocate polemiche.  Cerchiamo di capire perché. Proprio nelle ultime ore a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno, la Commissione europea, al termine di un lungo processo di valutazione, ha...

Il futuro energetico dell’Eur...

continua a leggere

ENERGIA E RICERCA, IL PARADOSSO DELL’AIE. L’AGENZIA INTERNAZIONALE È FINANZIATA DAGLI STATI, I DATI RACCOLTI NON SONO APERTI A TUTTI MA VENDUTI A CARO PREZZO.

Nel grande fermento di iniziative e dati statistici che caratterizza il dibattito internazionale sui cambiamenti climatici, transizione energetica, salvaguardia del pianeta, spicca una situazione a dir poco paradossale. Alcuni dei dati fondamentali per determinare scelte e azioni circa le tematiche citate sono raccolti e lavorati dall'Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE o IEA all’inglese), che però rende disponibile pubblicamente solo una frazione dei propri dati e rilascia il resto solo dietro pagamento di tariffe molto costose. Tutto questo accade nonostante l'AIE, che ha sede a Parigi, sia...

Nel grande fermento di inizia...

continua a leggere

RINNOVABILI E MIX ENERGETICO NAZIONALE, IL RISCHIO DEL BLOCCO DEI PROGETTI

La transizione italiana verso un nuovo modello energetico che possa tradurre in atti concreti l’esigenza di abbattere le emissioni nocive e quindi restare in linea con i parametri concordati a livello internazionale per combattere il cambiamento climatico, passa necessariamente per l’aumento del ricorso alle rinnovabili nel mix energetico nazionale. Negli ultimi anni l’Italia ha compiuto passi in avanti importanti su questo terreno, grazie soprattutto a cospicui investimenti e incentivi pubblici per gli impianti fotovoltaici ed eolici. Sono questi a garantire ormai stabilmente una parte della produzione elettrica...

La transizione italiana verso...

continua a leggere